Chioggia

Goletta Verde, il monitoraggio boccia la foce del Brenta

Sono tre i prelievi sugli undici totali dell'imbarcazione di Legambiente trovati con un inquinamento oltre i limiti di legge

Goletta Verde, il monitoraggio boccia la foce del Brenta

09/08/2021

CHIOGGIA - Il monitoraggio di Goletta Verde, l'imbarcazione di Legambiente, lungo le coste del Veneto ha rilevato che a luglio tre campioni su undici sono oltre i limiti di legge, e sono tutti foci dei fiumi: la foce del fiume Sile a Cavallino Treporti, la foce del fiume Brenta in località Isola Verde a Chioggia e la foce del fiume Adige in località Rosolina Mare. Secondo Legambiente “persistono le criticità della depurazione, tutti e tre i punti risultati oltre i limiti di legge sono foci dei fiumi. Questo dato dimostra che c’è ancora tanto da fare per efficientare i sistemi di depurazione. Preoccupa l’erosione costiera: le spiagge nell’area del veneziano hanno perso in media 250 metri in 35 anni”.

Il periodo del monitoraggio è quello tra il 19 e il 26 luglio: 8 foci, (delle quali 2 sono sbocchi a mare di due diverse lagune), 2 prelievi in mare e 1 direttamente in laguna. Ne hanno parlato questa mattina, nella conferenza stampa che si è svolta nella sala rappresentanti del Comune di Caorle, Maurizio Billotto, vicepresidente Legambiente Veneto, Francesca Cugnata, responsabile di Goletta Verde, Luciano Striuli, sindaco di Caorle, Paolo Giandon, direttore Ambiente e Transizione Ecologica - Regione Veneto, Fabio Strazzabosco, Arpav, direttore Unità Operativa Qualità Acque Interne e (ad Interim) Direttore Unità Operativa del Mare e delle Lagune, Comandante Maria Giovanna Girardi, Capitaneria di Porto - Caorle e Alessandro Berton, Presidente Unionmare Confturismo Veneto.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0