Chioggia

Distretto ittico, numeri incoraggianti

Incremento del 7,3% nel primo semestre 2021 rispetto allo stesso del 2020

Distretto Ittico, l’export tiene

10/08/2021

CHIOGGIA - La produzione del Distretto Ittico del Polesine e veneziano che si compone principalmente di pesca in mare (per il 27%), di mitili di mare (per il 24%), di vongole di laguna (per il 17%), di piscicoltura (per il 14%) e di altri molluschi bivalve di mare (per il 7% dati 2019 Veneto Agricoltura), serve in larga misura il mercato interno di cui segue l’andamento della domanda. Il comparto ittico a livello nazionale ha registrato nel 2020 un aumento di consumi del +6,7% secondo l'indagine di Intesa Sanpaolo, trainato dai prodotti ittici surgelati (+17,6%). Il segmento del fresco, che rappresenta il 48% della spesa complessiva, è stato invece fortemente penalizzato dalla chiusura dell’Horeca e dalla minore frequenza di acquisto soprattutto nei mesi primaverili del lockdown, si è ripreso a fine anno (+21% dicembre 2020 su dicembre 2019) riportando una crescita annua del +2,3% del 2020 sul 2019 in controtendenza rispetto al calo del -2,9% osservato nel 2019 sul 2018.

Nel 2020 le esportazioni del distretto si sono fermate a 77 milioni di euro registrando un calo del 20% rispetto al 2019: nel primo trimestre 2021 ha segnato un incremento del +7,3% sul primo trimestre 2020. Il contributo del Polesine si è rivelato trainante con la ripresa delle esportazioni dalla seconda parte del 2020, culminata nel primo trimestre 2021 con un incremento del 18% sul primo trimestre del 2020, ma con livelli ancora al di sotto di 11 punti percentuali rispetto a quelli registrati nello stesso periodo del 2019. Nel veneziano, che rappresenta il 56% del totale export del distretto, i valori esportati nel primo trimestre 2021 sono stati ancora lievemente inferiori a quelli del 2020 (-1% ) e inferiori in modo più significativo a quelli del 2019 (-20%). Nel Polesine sono risultati determinanti le crescite nel mercato tedesco (+28%), che acquista in prevalenza pesce fresco o refrigerato, e in quello francese (+23%) che si rifornisce soprattutto di crostacei e molluschi;  nella parte veneziana si è registrata una ripresa delle esportazioni in Spagna, con pesce fresco o refrigerato, in Francia e in Romania, che tuttavia non è stata sufficiente a colmare il ritardo nei principali mercati di sbocco di Germania (-9%) e Austria  (-17%).

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0