URBANISTICA

Restyling senza perdere volumi

Il consiglio comunale ha approvato una norma che consente di ristrutturare con volumetrie pre anni Sessanta

Restyling senza perdere volumi

18/08/2021

SOTTOMARINA – Il Comune di Chioggia è tra i primi nel Veneto ad adeguarsi alla normativa nazionale che permette di ristrutturare, ampliare o ricostruire un immobile mantenendo lo stesso sedime esistente. Una grossa opportunità soprattutto per gli imprenditori del turismo che potranno ristrutturare i loro alberghi senza perdere stanze ma, anzi, aumentando la capienza. Una normativa del 1967 prevede infatti che ogni immobile costruito debba tenere una distanza dagli immobili confinanti di 5 metri. Molti alberghi di Sottomarina, costruiti prima del ‘67 non rispettano questa regola e, in caso di ristrutturazione o completa ricostruzione dell’immobile dovrebbero adeguarsi a questa legge finendo col perdere cubatura.

Una recente normativa nazionale però toglie questo ostacolo e il Comune di Chioggia è tra i primi ad adeguarsi tanto che il provvedimento è stato portato ieri pomeriggio in consiglio comunale. Una novità che raccoglie il consenso dell’associazione albergatori di Sottomarina: “Siamo tra i primi comuni del litorale ad avere questa possibilità – spiega il presidente Giuliano Boscolo Cegion – grazie alla politica che, per una volta, è stata particolarmente celere. Gli uffici comunali di urbanistica e lavori pubblici hanno subito preso in mano questa normativa nazionale a cui la Regione deve adeguarsi e così ora il nostro Comune è uno dei primi a dare questa possibilità, non solo agli albergatori, ma anche agli affittacamere. Poco tempo fa avevamo fatto un masterplan legato a questa ipotesi: le possibilità di investimento variano dai 30 ai 60 milioni di euro e prevediamo anche un aumento dei posti di lavoro nel settore turismo, legato all’aumento di cubatura delle strutture, di almeno 400 unità. Inoltre abbiamo dato e daremo indicazione ai nostri iscritti di utilizzare preferibilmente società del territorio per quanto riguarda il settore edilizio, idraulico e elettrico. Per tutto il territorio è una grande possibilità per far ripartire l’economia a trecentosessanta gradi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0