VERSO LE ELEZIONI

Penzo alfiere di Obbiettivo Chioggia

Alessandra emozionata: “Siamo indipendenti e trasparenti. Nessuno ci tira per la giacchetta”

Penzo alfiere di Obbiettivo Chioggia

19/08/2021

CHIOGGIA – Alessandra Penzo è la candidata sindaco della lista “Obbiettivo Chioggia”. L’unica donna attualmente in corsa per la poltrona di primo cittadino.

L’ufficialità è arrivata nel tardo pomeriggio di ieri nella splendida cornice dell’Indiga di Sottomarina alla presenza anche dell’onorevole Alvise Maniero, espulso dal Movimento 5 Stelle e quindi in appoggio alla neonata lista locale composta da ex grillini che a marzo hanno dato le dimissioni dalla maggioranza.,

A fianco della Penzo c’erano i compagni di avventura che, come lei, hanno preferito lasciare la poltrona del consiglio comunale pur di continuare a perseguire il proprio credo politico: l’ex presidente del consiglio Endri Bullo, Paolo Bonfà e Daniele Padoan. “Vogliamo promuovere concetti completamente diversi rispetto a quelli finora vista nella politica locale – spiega Padoan – il cittadino deve essere al centro dell’attenzione e protagonista. Spazi e opportunità di sviluppo vanno dati alle nostre imprese nel rispetto però dell’ambiente, La città deve tornare ad essere più verde, più ordinata e più vivibile”. Bonfà, ex capogruppo in consiglio del Movimento 5 Stelle e anche lui ora impegnato nel nuovo progetto “Obbiettivo Chioggia” spiega i perché della scelta: “Ci siamo dimessi qualche mese fa per essere fedeli ai nostri principi di onestà e trasparenza e abbiamo deciso di continuare la nostra esperienza politica con persone che ci sono state vicine quando abbiamo rassegnato le dimissioni per dimostrare, ancora una volta, la nostra credibilità”.

Emozionata la candidata sindaco Alessandra Penzo: “Tutto quello che ho fatto nei due anni in cui sono stata assessore – racconta – l’ho fatto per la mia città. Sono un architetto, ma soprattutto sono una cittadina, una mamma e una casalinga. Ogni giorno porto le mie bimbe a scuola, a fare sport, vado a fare la spesa e vedo tante cose che non vanno bene. Vedo strade fatiscenti, strutture sportive non adatte a una cittadina di 50mila abitanti, vedo poco verde e quei pochi parchi che abbiamo abbandonati. La mia firma su qualche opera, in due anni di lavoro da assessore, penso di averla messa: abbiamo asfaltato 42 strade, restaurato la porta Santa Maria di Chioggia, investito più di qualche milione nelle scuole. Il progetto del nuovo lungomare con me era arrivato fino all’esecutivo, poi la politica mi si è messa di traverso e quel progetto è in un cassetto della mia ex scrivania. Noi ora siamo quel poi che serve alla città. Una lista civica che vuole costruire qualcosa di positivo per Chioggia – conclude la Penzo – ascoltando i progetti di chiunque senza preclusione alcuna. Non abbiamo nessuno che ci tira per la giacchetta”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0