SOTTOMARINA

La cultura fa rinascere riva Vena

Pierluca Donin, direttore del circuito teatrale Arteven: “Questo è un obiettivo centrato”

Riva Vena è un palcoscenico

21/08/2021

SOTTOMARINA – La cultura alla base della rinascita di riva Vena. Una parte del centro storico sempre più abbandonata nel corso degli anni e alla mercè di figure poco raccomandabili, negli ultimi mesi è tornata all’antico splendore.

Tavoli ovunque, movimento, giovani, nuove attività commerciali ed eventi culturali firmati da Arteven e dal Comune. Le passeggiate musicali in riva Vena questa estate sono stata una delle poche attrazioni permesse dalle norme anticovid.

“La rinascita di riva Vena è un obiettivo centrato – sottolinea Pierluca Donin, direttore del circuito teatrale Arteven – Derek Bok diceva ‘se pensate che la cultura costa troppo, provate con l’ignoranza’. Noi abbiamo combattuto l’ignoranza con la cultura e ora riva Vena è bellissima da vedere e senza più quei personaggi che non qualificano il nostro centro storico. Particolarmente azzeccata l’idea di illuminare i ponti con le frasi goldoniane. Insomma riva Vena ormai è così piena di vita la sera che io non so più dove andare a girare il terzo atto delle Baruffe in Calle”.

Per quanto riguarda le manifestazioni estive fatte finora, Donin si dice soddisfatto: “Abbiamo dovuto eliminare gli spettacoli a rischio assembramento come, ad esempio, le Baruffe in Calle, e lavorato sul fattore educativo con un programma tarato su famiglie e bambini: il nostro turismo si basa soprattutto su di loro. Un ringraziamento doveroso va fatto all’assessore al Turismo Isabella Penzo che ha saputo interpretare con sobrietà questa estate molto particolare”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0