Sottomarina

“Stagione buona, come nel pre-covid”

“Il turismo tedesco arrivato grazie alla promozione. Il prossimo anno super concerto all’Isola dell’Unione”

“Stagione buona, come nel pre-covid”

01/09/2021

SOTTOMARINA - “Se a settembre prosegue il trend avuto finora, la stagione turistica la potremo definire buona”. Giuliano Boscolo Cegion, presidente dell’Asa, l’associazione albergatori di Sottomarina, è soddisfatto della stagione turistica che sta volgendo al termine.

Una stagione balenare andata bene, ma quanto bene?

“Posso dire che, con i numeri di agosto già compresi, siamo sulle presenze pre-covid, con un tasso di capienza ricettiva vuoto per pieno fino a questo momento buona. Pur avendo perso Pasqua e il 25 aprile, i numeri sono come quelli del 2019. Numeri che, c’è da dire, all’epoca non erano favolosi, ma adesso vediamo che il trend va in salita. La metà circa dei turisti è veneta, un 20% arriva da Lombardia Trentino e in piccola parte Emilia Romagna, il restante 30% da Austria e Germania. La cosa interessante è la risposta del mercato tedesco alla promozione fatta negli anni scorsi: ci arrivano gli stranieri tedeschi con le brochure del Consorzio di promozione Lidi di Chioggia. Questo significa che abbiamo seminato bene e stiamo raccogliendo il buon lavoro fatto dal Consorzio. Quando li vedo arrivare con il magazine ‘Accendi le emozioni’, con le mappe che abbiamo distribuito ai broker tedeschi nelle fiere, mi fa venire la pelle d’oca”.

Quali sono stati i punti di forza e quali quelli di debolezza di questa stagione?

“Punti di forza della stagione sicuramente il meteo favorevole e la professionalità delle strutture ricettive e alberghiere, oltre a quelle extra-alberghiere, che hanno fatto una buona performance se si eccettua la prima quindicina di giugno. E quindi la promozione, ribadisco, ha funzionato. I punti di debolezza, e qui non ci sono sono colpe di nessuno, tantomeno dell’amministrazione comunale, quelle legate alla cancellazione della Sagra del pesce e della Marciliana, comunque ridotta, per il covid. Fortunatamente, grazie ai privati di MareAndentro, si è tenuta la Festa del pesce azzurro che ha salvato l’immagine. La nostra richiesta per il prossimo anno che vengano ripristinate tutte, i turisti le amano. E magari integrarle”.

Quali sono le iniziative che si potranno mettere in campo in vista dell’estate 2022?

“Abbiamo dato la nostra disponibilità per organizzare un super concerto subito a maggio, per lanciare la stagione turistica. L’idea è organizzarlo all’Isola dell’Unione, con un palcoscenico sull’acqua nel Lusenzo tipo il concerto dei Pink Floyd a Venezia. Una kermesse che sia internazionale, con artisti di musica latino americana o elettronica, dobbiamo ancora rifletterci per bene. Poi c’è una sempre maggiore richiesta di sicurezza e garanzia dell’ordine pubblico, di parcheggi per auto, moto e biciclette. Non possiamo dare sempre la colpa ai cittadini se parcheggiano male, bisogna ripensare la viabilità di Sottomarina. Non è colpa di nessuno, ma mi aspetto che la nuova amministrazione comunale possa assumere almeno una quarantina di vigili specializzati in lingue straniere, per una più alta professionalità nel garantire l’ordine pubblico”.

Nuovo lungomare: che ne pensate di questo progetto?

“Dobbiamo dare merito a chi ha il coraggio di fare le cose. Siamo stati convocati subito, come associazione, appena si è insediato il vicesindaco Marco Veronese, che ha raccolto il testimone del lavoro iniziato da Alessandra Penzo. E’ sempre un bene per la città quando si lavora insieme alle categorie. Certo è un progetto che si può migliorare, e l’obiettivo è quello della pedonalizzazione totale del lungomare Adriatico, che dovrà diventare la nostra via Ceccarini di Riccione. Si presta benissimo e la ristrutturazione lo prevederebbe già parzialmente pedonale nelle ore serali. Ne beneficerebbero le strutture alberghiere e tutta la parte balneare”.

Cosa mettereste nell’agenda della prossima amministrazione per quanto riguarda il comparto turistico?

“Ogni sindaco ha un suo programma, noi faremo il nostro e vedremo con quale programma dei candidati è più compatibile. rispetto alla nostra idea di turismo e alle esigenze del settore. E voteremo quel sindaco, non ci saranno voti di amicizia, di simpatia: valuteremo solo il loro programma. Nel programma, l’obiettivo imprescindibile è il rispetto per l’ambiente, sul quale puntiamo tantissimo per lasciare una città in ordine ai nostri figli, ma anche più vivibile per i turisti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0