Chioggia

“Il sindaco sia garante della salute dei cittadini”

Lo ha sottolineato Lucio Tiozzo, candidato sindaco del centrosinistra, nell’incontro sul tema della sanità

24/09/2021

CHIOGGIA - “Siamo convinti che le prerogative che ha un primo cittadino riguardo i temi della sanità siano importantissime, ma anche fin troppo sottovalutate. Il sindaco è garante della salute dei cittadini e questo è un principio sacro che va ribadito”. Sono queste le parole di Lucio Tiozzo, candidato sindaco del Partito Democratico, durante il suo evento dedicato al mondo della sanità, con cui ne ha discusso ieri insieme ad Angelo Boscolo Bariga, ex primario di medicina all’ospedale di Chioggia e attualmente candidato come consigliere comunale per le liste di Tiozzo.

“Spero che Alessandro Ferro non se ne dia male, ma in questi anni c’è stata una scarsa presenza del sindaco nel mondo della sanità e sapete invece quanto a noi stia a cuore questo tema, perché è importante che un ospedale sia efficiente e che abbia una rete di servizi territoriali - le parole di Tiozzo - quindi, il mio impegno futuro è garantire che tutto questo venga fatto con competenza. Pochi sanno quanto ci siamo impegnati in questi anni per l’ospedale di Chioggia, ma esiste in me, in noi, tanta preoccupazione, perché i segnali che sto cogliendo fanno riferimento ad un depotenziamento del nostro ospedale. Chi lo utilizza o chi è costretto ad andare a Mestre per motivi sanitari sa cosa sto dicendo. Per questo, dobbiamo invertire la rotta”.

”Ci sono altri due punti fondamentali - ha proseguito Tiozzo - sindaco e autorità sanitaria insieme ai fondi del Pnrr: si tratta di soldi con cui è possibile intervenire per la sanità e per coprire delle lacune importanti che stiamo registrando, come il tema delle strutture territoriali. Lavoreremo anche per una rete di assistenza territoriali, in collaborazione con medici di base e la struttura ospedaliera. Infatti, l’uso dei fondi deve basarsi per una medicina sempre più moderna e vogliamo che per il nostro territorio ci sia pari condizione sui servizi che vengono dati”.

Anche Angelo Boscolo, ha espresso la sua opinione riguardo la sanità, basandosi anche sulla sua esperienza: “Ho lavorato moltissimi anni nell’ospedale di Chioggia, che negli anni ho visto crescere ma che ho visto anche decrescere in questi ultimi due anni e per me è una grande preoccupazione. Da un punto di vista logistico questo ospedale non riesce a comprendere molte persone: ha 14,5 posti letto per ogni unità operativa. Ecco perché vogliamo collaborare con la regione e almeno con l’Ulss 3 per cambiare questa impostazione, per attuare negli ospedali periferici interventi di media complessità. Noi vogliamo far crescere la periferia anche in questo settore e le nostre proposte vengono da chi vede tutti i giorni le grandi mancanze che abbiamo in ospedale. Gli operatori non sanno a chi rivolgersi e noi come possibile amministrazione proponiamo di fare da intermediari perché conosciamo le problematiche del nostro ospedale”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0