Chioggia

Attacco epilettico in mezzo al mare, la Capitaneria salva un pescatore

E' successo questa mattina a 18 miglia dalle bocche del porto di Chioggia: l'uomo è stato portato in ospedale

12/10/2021

CHIOGGIA - Crisi epilettica di un pescatore a largo del porto di Chioggia, soccorso dalla Capitaneria di Porto e trasportato in ospedale. E' successo questa mattina: alle 12.16 nella sala operativa della Capitaneria di porto di Chioggia è giunta la comunicazione radio di un marittimo colto da crisi epilettica a bordo del peschereccio “Superbo” della locale marineria, in attività di pesca a strascico a circa 18 miglia nautiche dall’imboccatura del porto di Chioggia.

La sala operativa ha disposto tempestivamente l’uscita della motovedetta Sar Cp 826, al fine di fornire ogni necessario supporto per la gestione dell’emergenza sanitaria, coadiuvando nel contempo, le comunicazioni radio tra la stazione radio costiera “Venezia Radio” e l’unità da pesca in questione. Dopo la diagnosi eseguita forzatamente a distanza, il medico reperibile del Centro internazionale radio medico (Cirm) alle 12.36 ha disposto l’immediato trasporto del marittimo a terra. Non appena recuperato l’attrezzo da pesca in mare, il peschereccio ha cominciato la sua corsa dirigendo verso il porto di Chioggia, per raggiungere la motovedetta. Quest'ultima intercettato il peschereccio alle 13, ha provveduto all’evacuazione medica del marittimo, le cui condizioni di salute risultavano fortunatamente in via di miglioramento. Alle 13.32, il marittimo è stato sbarcato in porto e affidato alle cure del personale sanitario del 118, già presente in piazzetta Vigo, per il successivo trasporto all’ospedale di Chioggia. L'uomo, un chioggiotto del 1969, era imbarcato con la mansione di mozzo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0