Venezia

No vax nell'Ulss 3: sono oltre 180

Il direttore generale Contato: "Sospesi quelli che senza motivazione non si vaccinano"

No vax nell'Ulss 3: sono oltre 180

08/11/2021

VENEZIA - Un medico specialista ambulatoriale e quattro medici di base, insieme ad altri 180 sanitari circa dipendenti dell'Ulss 3 Serenissima che non ne vogliono assolutamente sapere di vaccinarci. E' questa la situazione che il direttore generale Edgardo Contato ha spiegato stamane a Mestre. In totale sono 869 gli operatori sanitari residenti nel territorio dell'Ulss 3 che non hanno voluto vaccinarsi contro il Covid senza addurre motivazione alcuna. I dipendenti dell'Ulss 3 sono 270, secondo l'analisi di incrocio dei dati della commissione presieduta da Vittorio Selle. E quando un operatore sanitario rifiuta la dose senza motivo, viene direttamente sospeso. 

Un terzo circa degli operatori che non si erano vaccinati inizialmente, è andato a farlo. Ma quasi metà non ha nemmeno risposto alla lettera di convocazione dell'azienda sanitaria, mentre una piccola parte ha scelto di vaccinarsi solamente dopo la seconda convocazione. E lo stesso numero ha risposto alla commissione con controdeduzioni spesso portate avanti dagli avvocati. Più della metà sono state respinte, le altre sono ancora sotto esame. "Ogni tanto qualcuno si convince, o magari si ammala - le parole di Contato - ci sono quelli che si sono confrontati con la commissione e quelli che nemmeno hanno risposto. Ma ci sono anche le persone immunodepresse, con neoplasie o le donne in gravidanza: la loro situazione è ben diversa, ovviamente". Ma tutto questo sta mettendo in difficoltà l'Ulss 3, che fatica a mantenere l'attività ordinaria, con prestazioni che sono saltate e dovranno essere smaltite entro la fine dell'anno. 

"Il problema più grande è legato agli infermieri - spiega Contato - abbiamo già preparato il bando per assumere i nuovi infermieri che si laureeranno, circa 80, ma ce ne servirebbero il triplo di quelli in procinto di finire il corso di studi. La richiesta è sempre quella, ma ci sono dinamiche demografiche e di gradimento della professione che rendono quel ruolo molto prezioso. E di sicuro smaltiremo tutto il lavoro arretrato entro il 31 dicembre, non ci sono alternative".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0