LA PROPOSTA

Obbligo della pettorina ai cacciatori

In Regione si discute della possibilità di riconoscere i cacciatori, dopo gli episodi rischiosi vicino ad aree residenziali

Obbligo della pettorina ai cacciatori

11/11/2021

CHIOGGIA - Obbligo di pettorina con numero di matricola per i cacciatori: anche in Regione si discute su possibili interventi per rendere più riconoscibile chi non rispetta le regole. Una questione che interessa da vicino anche il territorio di Chioggia. Nelle scorse settimane, infatti, molti residenti delle frazioni, si sono lamentati per gli spari dei cacciatori troppo vicini alle abitazioni. Qualcuno, inoltre, non rispetterebbe i giorni di caccia, sparando anche in quelli non consentiti.

Anche nel territorio clodiense c’è il timore che possa accadere un incidente con conseguenze gravi, come già avvenuto in altre parti d’Italia.

I consiglieri del Movimento 5 Stelle hanno anche presentato un ordine del giorno, che verrà discusso nel prossimo consiglio comunale, che invita il sindaco Mauro Armelao e la sua maggioranza a vietare la caccia nelle zone residenziali e turistiche del territorio.

Ora in Regione è arrivata la richiesta del consigliere del Pd Andrea Zanoni che ha invitato la maggioranza a obbligare i cacciatori a indossare pettorine con il numero di matricola, in modo da consentirne l’identificazione in caso di incidente e scoraggiare comportamenti illeciti. “Non è una misura punitiva – spiega Zanoni - bensì a tutela della sicurezza dei cittadini. Così chiunque riuscirebbe a leggere la matricola, riportata a caratteri cubitali, potendo denunciare alle forze dell’ordine, in caso di danni e abusi, i responsabili che scappano senza prestare soccorso. I cacciatori che rispettano le regole e le loro associazioni dovrebbero essere d’accordo con la nostra proposta e sostenerla: le ‘mele marce’ sono ovunque e rischiano di danneggiare tutti indiscriminatamente.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0