Venezia

Cisl Venezia, Michele Zanocco nuovo segretario

Eletto oggi durante il consiglio generale provinciale: "Va valorizzata la marineria di Chioggia, uno dei poli ittici nazionali e prima marineria d’Italia"

Cisl Venezia, Michele Zanocco nuovo segretario

18/11/2021

VENEZIA - Cisl Venezia ha eletto oggi il proprio nuovo segretario generale: è Michele Zanocco, indicato all’unanimità alla guida del sindacato dall’assemblea del consiglio generale provinciale riunitosi stamattina al Novotel di Mestre-Venezia. Veneziano, 56 anni, maturità scientifica, Zanocco ha lavorato presso la Fochi Filippo Spa, importante azienda di costruzione e manutenzione di impianti petrolchimici, e successivamente alla Speedline, fonderia del comparto automotive dove è stato rappresentante sindacale aziendale dei lavoratori (Rsu). Operatore sindacale di Fim Cisl Padova nel 1995, è stato eletto nel 1999 segretario di Fim Cisl Venezia, ruolo che ha ricoperto sino al 2008 quando è entrato a far parte della Segreteria regionale della stessa categoria, di cui poi è stato il segretario generale dall’anno seguente al 2013. Nello stesso anno è eletto nella Segreteria nazionale di Fim Cisl, e qui gli sono affidate le deleghe nazionali nei settori ferroviario, elettrodomestico, cantieristico, aerospaziale e difesa, elettronica e microelettronica, appalti e informatica, e ancora le deleghe alla formazione professionale, fondi interprofessionali e mercato del lavoro. Dal 2020 suo l’incarico di segretario amministrativo e organizzativo della federazione.

Un territorio fragile e complesso, quello del Veneziano, rispetto al quale sono ben chiari per lui e il sindacato le priorità e i fronti di impegno. "E' importante continuare a presidiare la vertenzialità locale come Cisl Venezia ha fatto finora egregiamente – evidenzia il neoeletto segretario Michele Zanocco – una delle grandi peculiarità di Venezia è rappresentata dalla risonanza nazionale e regionale di molti dei temi affrontati. Ne sono esempio le vicende del Mose per quanto riguarda il tema della portualità, il petrolchimico di Porto Marghera in relazione alla transizione verde della chimica. Sicuramente va definito un nuovo modello di turismo all’insegna della sostenibilità, per Venezia anzitutto ma pure per tutto il litorale. Va valorizzata la marineria di Chioggia, sicuramente uno dei poli ittici nazionali e la prima marineria d’Italia".

"Il territorio della città metropolitana è inoltre ricco di periferie – continua –, che devono essere considerate e aiutate con una nuova visione di welfare sociale e di comunità per non lasciare ai margini nessuno, a partire dai molti anziani che popolano il territorio e sono destinati ad aumentare esponenzialmente". E in riferimento alla transizione energetica e alla sostenibilità ambientale, capisaldi della visione di futuro per il Paese come per il territorio, il segretario sottolinea: "Il lavoro e l’inclusione sociale saranno sicuramente gli obiettivi primari, che dovranno essere alla base dell’azione sindacale dei prossimi anni per garantire che la transizione sia giusta e solidale". A chiudere il Consiglio provinciale, augurando buon lavoro a Zanocco, è stato il segretario nazionale di Cisl Luigi Sbarra, in Veneto per tre giorni per presenziare a diversi eventi dell’organizzazione, nonché all’assemblea di Assindustria Veneto Centro di venerdì 19 e, infine, alla manifestazione sindacale unitaria indetta per sabato 20 novembre per chiedere modifiche alla manovra del Governo.

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0