Venezia

Comprano droga e bitcoin con le truffe online

Sei arresti tra Padova e Venezia con l'accusa di truffa aggravata

Comprano droga e bitcoin con le truffe online

03/05/2022

VENEZIA - Per una truffa aggravata mediante l'indebito utilizzo e la falsificazione di strumenti di pagamento on-line sono scattate sei misure cautelari per altrettante persone del padovano. A seguito delle indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Padova e delegate alla Polizia di Stato della Questura di Padova, è stata data esecuzione alle misure cautelari tra carcere, arresti domiciliari e obbligo di dimora disposte dal Gip del Tribunale di Padova.
 
Le sei persone sono del capoluogo e dei comuni di Abano Terme, Montegrotto e Campodarsego e Strà, in provincia di Venezia. E' stata disposta la custodia cautelare in carcere per un 25enne ed un 50enne; gli arresti domiciliari per un 49enne, per un 44enne ed un 39enne; e l'obbligo di dimora per una 43enne. Gli indagati - secondo l'esito delle indagini - agivano nel territorio della provincia, compivano frodi ai danni di numerose vittime residenti in località di tutta Italia, cui venivano sottratti i dati relativi a carte di credito e di pagamento, per poi effettuare varie operazioni di ricarica o di recupero del contante tramite Pos e Atm, con acquisti di beni e servizi nelle province di Padova, Vicenza, Venezia e Treviso (telefoni di alta gamma, gratta e vinci da reinvestire poi in bitcoin), oppure ancora la compra-vendita di droga.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0