Venezia

Confindustria Venezia si sposa con Padova e Treviso

E' arrivato il via libera al progetto di aggregazione fra le due associazioni

Nasce al "grande Confindustria"

La stretta di mano fra i due presidenti, Vincenzo Marinese e Leopoldo Destro presidenti di Confindustria rispettivamente di Venezia-Rovigo e di Assindustria Padova.-reviso

03/05/2022

VENEZIA - I Consigli Generali di Assindustria Venetocentro e Confindustria Venezia Rovigo, riuniti in seduta congiunta all’Hotel DoubleTree a Mogliano Veneto, hanno esaminato e dato il via libera al Progetto di aggregazione fra le due associazioni e al Piano industriale che lo accompagna delineando gli elementi statutari, economici ed organizzativi, risultato del lavoro svolto dalla Commissione Paritetica

Dopo le determinazioni dei Consigli generali delle due associazioni, si avvia dunque il percorso di consultazione della base associativa sulla proposta di aggregazione, attraverso 9 incontri zonali nei territori di Padova, Treviso, Venezia e Rovigo nei mesi di maggio e giugno, per la più ampia partecipazione, approfondimento e condivisione degli imprenditori Associati. Ad esito di questi incontri il Progetto sarà portato a settembre in delibera dei Consigli Generali. Quindi, al voto delle Assemblee Generali degli Associati - su Atto di integrazione e Statuto - nel mese di novembre.

 Il ‘cantiere’ del Progetto di aggregazione tra le due Associazioni, ha preso avvio informalmente nel 2019. È poi proseguito con l’insediamento e l’avvio dei lavori della Commissione Paritetica; la conferma del mandato assembleare ai Presidenti alla prosecuzione del Progetto; la firma del Protocollo preliminare di aggregazione.

 Il Progetto di aggregazione tra Assindustria Venetocentro e Confindustria Venezia-Rovigo è ispirato da una moderna visione di sviluppo metropolitano, volta alla creazione del vertice veneto del nuovo Triangolo industriale, alla valorizzazione unitaria delle identità e complementarietà territoriali, con l’obiettivo di accrescere la capacità competitiva delle imprese, lo sviluppo e l’attrattività dei territori.

Un progetto che si pone come obiettivo strategico la modernizzazione del sistema associativo, superando vincoli territoriali, settoriali e culturali ormai datati, la qualificazione dei servizi e delle competenze, il rafforzamento delle reti di filiera tra piccole, medie e grandi imprese, della capacità progettuale di area vasta e rappresentanza sia sul piano locale che nazionale. Mantenendo al contempo radicamento sul territorio, vicinanza e prossimità alle imprese.

"Le grandi metropoli diventeranno sempre di più baricentro per l’attrazione di investimenti e per la generazione del valore - dichiara Vincenzo Marinese, Presidente di Confindustria Venezia Rovigo - e in questo contesto, la progettualità per un territorio ampio come il nostro, che contribuisce alla creazione di oltre il 50% del Pil del Veneto, dovrà guardare allo sviluppo di un’area metropolitana che sia motore per la crescita del Nordest. Del resto, possiamo contare su una consistente base demografica, su una solida struttura economica, su una posizione geografica strategica che ci colloca - insieme a Milano, Bologna, Lubiana e Monaco di Baviera - in relazione con l’Europa e con il mondo intero. Il nostro sistema di rappresentanza, in una fase storica tanto complessa, si pone una grande sfida: difendere il tessuto produttivo e favorire un suo ulteriore sviluppo. In tale scenario, unire le forze per diventare la seconda Confindustria territoriale d’Italia ci permetterà di essere riconosciuti come interlocutori autorevoli dagli stakeholder e dalla politica. In questo modo, contribuiremo a consolidare i valori nei quali crediamo, a progettare, ad attrarre investimenti e a mettere l’impresa al centro, poiché essa è il vero patrimonio del territorio».

 "La complessità delle trasformazioni e degli shock esterni richiede ‘innovazioni di sistema’, anche alla rappresentanza associativa, per essere all’altezza dei tempi - dichiara Leopoldo Destro, Presidente di Assindustria Venetocentro -. Dopo pandemia, crisi energetica e conflitto che ci hanno colpito duramente, ora è tempo di ricostruire. Ma per vincere questa partita servono strategie condivise. Oggi possiamo provare a farlo insieme, valorizzando la nostra prossimità e le nostre peculiarità. Un modello che, mantenendo e rinsaldando il legame di prossimità con le imprese e il territorio, per noi irrinunciabile, potrà essere in grado di giocare una partita più ampia, oltre i confini della nostra Regione. Ora si apre una fase fondamentale di confronto con tutti gli Associati di Padova, Treviso, Venezia e Rovigo, fino al voto sovrano delle Assemblee in autunno".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0