Chioggia

Sul litorale sventola la Bandiera blu

La soddisfazione del sindaco Armelao: “Garantita qualità dei servizi e sostenibilità”

Sul litorale sventola la Bandiera blu

10/05/2022

CHIOGGIA - Al litorale di Chioggia è assegnata, anche per quest’anno, la Bandiera Blu, assieme alle altre località turistiche venete riconfermate nella lista nazionale della “Foundation for Environmental Education” (Fee): sette si trovano sulla costa veneziana – e sono Venezia, San Michele al Tagliamento, Caorle, Eraclea, Jesolo, Cavallino Treporti e Chioggia – mentre le altre due località sono nel Polesine: Rosolina e Porto Tolle. Quindi la spiaggia di Sottomarina e Isola Verde, ma pure un attracco turistico, inserito dalla Fee: si tratta della darsena “Le Saline”. Stamane si è svolta, in collegamento dalla sala consiliare del municipio, la cerimonia online della 36esima edizione del programma della Fee, presieduta dal presidente della Fee Italia, Claudio Mazza e seguita dal sindaco di Chioggia Mauro Armelao, dall’assessore all’Ambiente Massimiliano Tiozzo Caenazzo e dall’assessore al Demanio turistico Serena De Perini.

“L’amore per la nostra città passa anche dalla cura che abbiamo per le nostre spiagge ed il nostro mare – il commento del sindaco Mauro Armelao – siamo soddisfatti di aver rinnovato questo ‘sigillo di qualità’, assegnato da una giuria nazionale, che sventolerà ancora nel nostro litorale ad indicare a cittadini ed ai tanti turisti che ci visitano ogni anno, che qui è garantita la qualità dei servizi e l’attenzione per l’ambiente”.

“Siamo felici del risultato – aggiunge l’assessore al Demanio turistico Serena De Perini – che è senza dubbio un valore aggiunto per le nostre spiagge. Un premio all’impegno che vede in prima linea le strutture alberghiere, i servizi d’utilità pubblica sanitaria, la gestione rifiuti, la depurazione delle acque reflue, la regolamentazione del traffico veicolare, informazioni turistiche, segnaletica aggiornata e l’educazione ambientale”.

“Questo riconoscimento, che va avanti negli anni – conclude l’assessore all’ambiente Massimiliano Tiozzo Caenazzo – è frutto del lavoro dell’ufficio ambiente, in sinergia con gli operatori balneari. Come amministrazione siamo consapevoli e lavoreremo sempre di più nell’ottica di valorizzazione della vocazione naturalistica e ambientale delle nostre spiagge”.

Il programma internazionale Bandiere Blu assegna il suo riconoscimento di qualità ambientale alle località le cui acque sono risultate “eccellenti” negli ultimi 4 anni, in base alle analisi eseguite dalle Arpa. Ma le acque pulite sono solo il primo passo per aggiudicarsi il vessillo. Sono ben 32 i criteri di valutazione del programma, aggiornati periodicamente, che bisogna soddisfare. Pratiche ed educazione per preservare l’ambiente e promuovere un turismo sostenibile hanno avuto, anche quest’anno, un'attenzione speciale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0