Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

Chioggia

“Sfalcio dell’erba, programmazione inesistente”

Interrogazione del consigliere Emanuele Pasquali

“Lo sfalcio dell'erba sarà affidato alle frazioni"

CAVARZERE - “La situazione del territorio è a dir poco disastrosa, dovuta ad un’inesistente programmazione dello sfalcio dell’erba e ad un piano di interventi basato sull'improvvisazione: l'amministrazione quando intende intervenire per ripristinare condizioni di decenza nelle scuole? Come intende programmare la stagione dello sfalcio erba e decoro urbano? E per quale motivo l’assessore ai lavori pubblici intende proseguire con una politica di disinteresse di interventi sporadici?”. Queste le domande poste nell’interrogazione presentata dal consigliere comunale Emanuele Pasquali, riguardante, appunto, lo stato dello sfalcio dell’erba e il decoro del territorio comunale.

“Sono molto arrabbiato - dice Pasquali - Sono innumerevoli le segnalazioni pervenute, compresa quella degli insegnanti e dei genitori per i giardini delle scuole. Ho atteso invano che ci fosse un cambio di passo della situazione... che ad oggi non c’è stato. Credo sia opportuno capire se l’assessore ai lavori pubblici intenda impegnarsi, altrimenti che lasci l’incarico ad altri che hanno a cuore il decoro di Cavarzere e delle frazioni (queste ultime abbandonate a se stesse)”. “La situazione del decoro di Cavarzere è a dir poco disastrosa, dovuta ad un'inesistente programmazione dello sfalcio erba e ad un piano di interventi basato sull'improvvisazione e sulle segnalazione dei cittadini stessi - inizia così il documento presentato dal consigliere Pasquali - Insegnanti e genitori si sono rivolti al sottoscritto al fine di capire i motivi per i quali i giardini delle scuole di Cavarzere non ricevono la giusta manutenzione e cura, non permettendo le attività didattiche all'aperto e gli adeguati spazi ludici agli scolari".

"Visto che ad oggi nessuna procedura ad evidenza pubblica è stata programmata, lasciando zone di Cavarzere sia centrali che periferiche senza alcuna manutenzione e una adeguata cura ambientale; considerato che gli unici interventi sono stati eseguiti in emergenza rivolgendosi a varie ditte a prezzi non certo convenienti eseguendo lavori di emergenza ambientale; considerato che il Comune sta utilizzando lavoratori del progetto ‘Ria’ regionale per le manutenzioni stradali e per lo sfalcio dell'erba - non propriamente indicati per tali operazioni, esponendo le associazioni e lavoratori stessi ad oneri e doveri non contemplati dai protocolli regionali - si interroga l'amministrazione e in particolare l’assessore ai lavori pubblici se e quando l'amministrazione intenda intervenire per ripristinare condizioni di decenza nelle scuole del Comune e consentire ai bambini che le frequentano di fruire degli spazi verdi e delle strutture per loro installate, evitando anche conseguenze di natura igienico sanitarie per 'insopportabile inerzia e vergognosa inefficienza'”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy