Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

Calcio Serie D

In 4 dicono addio alla Union Clodiense

La squadra del presidente Boscolo Bielo punta al nuovo assalto alla Serie C

In 4 dicono addio alla Union Clodiense

Nicola Boscolo Bisto, Agostino Marcolin, Tommaso Busatto e Roberto De Angelis

CHIOGGIA – Terminata la stagione è tempo di calciomercato in casa granata. Confermato alla guida della squadra Mister Andreucci, il presidente Ivano Boscolo Bielo e il suo staff sono al lavoro per cercare di potenziare il gruppo che ha sfiorato la promozione in Lega Pro piazzandosi al secondo posto dietro all’ArzignanoChiampo.

Si punta a confermare gran parte del gruppo che così bene ha fatto in questa stagione dei record dove sono state perse solo due partite e, fino all’ultimo, la squadra è stata in corsa per una promozione storica. Sembra ormai in dirittura d’arrivo la conferma di Cuomo, mentre in 4 sono ai saluti. La società ha infatti ufficializzato il mancato rinnovo del contratto per Nicola Boscolo Bisto, Agostino Marcolin, Tommaso Busatto e Roberto De Angelis.

Tutti giocatori che sono stati impiegati con il contagocce da mister Andreucci e che dovranno essere rimpiazzati con calciatori di valore per cercare di nuovo l’assalto alla Serie C.

“Ai 4 calciatori – scrive la società nel comunicato ufficiale – vanno i ringraziamenti per l’impegno, la professionalità e i risultati ottenuti nella scorsa stagione e un grande in bocca al lupo per il proseguo della loro carriera sportiva. Nel frattempo l’Union Clodiense è al quarto posto della graduatoria per quanto riguarda un possibile ripescaggio anche se il presidente Ivano Boscolo Bielo, ha più volte sottolineato di voler arrivare alla promozione sul campo e non d’ufficio. I dirigenti sono ora al lavoro per confermare gli uomini chiave di questa stagione e per cercare, sul mercato, qualche giocatore (soprattutto un attaccante) in grado di poter fare la differenza nella categoria.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy