Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

TEATRO

Le “Baruffe in calle” avvolte nel mistero

Dal 1 al 5 agosto, tante le chicche non svelate dal direttore di Arteven Pierluca Donin

Riva Vena è un palcoscenico

Baruffe in calle

CHIOGGIA - Dopo due anni di assenza a causa della pandemia di Covid 19 torna "Le Baruffe in calle", lo spettacolo itinerante ideato da Pierluca Donin che in tutte le tredici edizioni precedenti ha fatto sempre registrare il sold out. Non è difficile ipotizzare che succederà anche quest’anno.

Per approfondire leggi anche: 

Estate di cultura, per tutte le età

Zennaro: “C’è grande riscontro”. Donin: “La cultura è un virus da diffondere fin da piccoli”

Stesse date di sempre, dall'1 al 5 agosto, sempre il "Piccolo Teatro città di Chioggia" a interpretare i protagonisti goldoniani, ma diverso itinerario. Riva Vena in questi anni è stata rivoluzionata con molte attività commerciali con plateatico che hanno aperto. E così, recitare l'ultimo atto in quella zona quest'anno non è possibile.

Ma Donin mantiene il segreto: il primo atto sarà a Isola San Domenico, il secondo a palazzo Grassi “ma il terzo - sottolinea il direttore di Arteven - lo sveleremo più avanti e ci sarà qualche novità anche sulla trama. Chissà se alla fine si risolverà tutto come sempre e tutti saranno felici e contenti”. Per “Le baruffe in calle” è obbligatoria la prenotazione al 3663361601.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy