Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

SCUOLA

Una soluzione per le aule “forno”

La Griso: “Problema annoso, ci sto lavorando fin dalla mia nomina”. Ecco le strutture lamellari

Una soluzione per le aule “forno”

La Griso: “Problema annoso, ci sto lavorando fin dalla mia nomina”. Ecco le strutture lamellari

CHIOGGIA - Da anni c’è un problema irrisolto che “affligge” alcune aule della scuola primaria Mario Chiereghin di Chioggia. In pratica ci sono alcune classi con la parete esposta al sole che, quando le giornate sono più calde, diventano un forno, quasi invivibili. Un problema che, anno dopo anno, è stato segnalato dalla dirigenza scolastica al Comune - proprietario dell’edificio scolastico - senza che si arrivasse a una soluzione.

“E’ un problema noto, tanto è vero che a novembre, poco dopo la mia nomina, una delle prime cose che ho fatto è stata quella di andare a far visita alla dirigente scolastica per capire come si potesse intervenire” spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Elisabetta Griso. Nel ribadire la questione, la dirigente scolastica, Sandra Zennaro, ha chiesto che si potesse risolvere.

“Ci è stato richiesto di installare delle tende interne ed esterne, e per questo avevamo chiesto già un paio di preventivi a ditte specializzate - ricorda l’assessore - diciamo che la funzione delle tende interne è più contro il riflesso, quella delle tende esterne funge da riparo al surriscaldamento degli infissi e, di conseguenza, della classe. Ma la conseguenza è che la classe rimarrebbe piuttosto buia”.

A questo punto l’assessore Griso, di concerto con il sindaco Mauro Armelao, ha trovato una soluzione diversa. “Ho pensato che realizzando una struttura frangisole, che può essere di legno come di metallo o plastica, staccata dalla parete e dagli infissi dell’edificio, non solo garantisse un’ombra alle classi interessate meno impattante, ma permettesse il passaggio dell’aria tra una lamella e l’altra e all’interno della struttura, di fatto staccata dalla parete” l’ipotesi dell’assessore ai lavori pubblici.

“Peraltro le alette sono orientabili elettricamente dall’interno e quindi si può scegliere come farle agire a seconda dell’irraggiamento del sole - aggiunge - e poi si tratta di un intervento che ha anche un pregio architettonico, molto simile a quello utilizzato nella sede della polizia locale qui a Chioggia. E’ evidente che il costo è maggiore di quello delle tende, ma la resa è decisamente migliore e questo a vantaggio degli alunni e degli insegnanti”.

“E proprio a loro rivolgo il mio pensiero e chiedo di avere un po’ di pazienza, questo intervento permetterà di mitigare il caldo nelle aule” conclude l’assessore Griso.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy