Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

CAVARZERE

In centinaia dicono addio a Giulio, morto a 22 anni

In centinaia al saluto al giovane ucciso a 22 anni dalla malattia

CAVARZERE - "Resterai per sempre il nostro guerriero". E' il messaggio che gli amici di Giulio Bellan, 22 anni, hanno preparato per ricordare un ragazzo portato via troppo presto da una malattia contro la quale ha combattuto a lungo, con coraggio e ottimismo, prima che il suo fisico, prostrato anche dal Covid, cedesse.

Era un ragazzo conosciutissimo sia a San Pietro di Cavarzere, dove viveva, che a Rosolina Mare, dove lavorava e dove vive la sua famiglia, che ha lungo gestito uno stabilimento balneare e attualmente ha una agenzia. In tantissimi hanno partecipato e molti hanno lasciato un ricordo, sotto forma di fiori o di un messaggio all'entrata.

La chiesa, per quanto capiente, non ha potuto contenere tutti. Decine di persone sono rimaste all'esterno, per seguire la liturgia e, quindi, per accompagnare il 22enne nel suo ultimo viaggio. Presente anche il sindaco di Cavarzere Piefrancesco Munari, assieme al collega di Rosolina Michele Grossato.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy