Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

CAVARZERE

Cavarzere piange la morte del giovane papà

Alberto Olante, 45 anni, si è spento dopo due anni di lotta contro un terribile male

Giovane papà portato via dalla malattia

CAVARZERE - In tantissimi ieri, nella chiesa di Villaggio Busonera, per l’ultimo saluto ad Alberto Olante, padre 45enne scomparso dopo due anni di battaglia contro il cancro. Nel corso della funzione, è stato ricordato come un uomo gentile, simpatico e di cuore.

Si è spento lunedì scorso, Alberto Olante, 45 anni, papà di due figli. Era stato colpito da un carcinoma gastrico. La notizia della sua scomparsa ha sconvolto l’intera frazione di Villaggio Busonera, dove Alberto abitava da sempre. Era un impiegato dell’Eni Power, e da due anni conviveva con il cancro: una battaglia che, purtroppo, non è riuscito a vincere.

La storia di Alberto, peraltro, non è stata facile, dato che la sua vita era stata segnata da un pesante lutto: quando era soltanto un ragazzo perse il fratello Antonio, di due anni più grande, anche lui a causa di una terribile malattia. Ad annunciare la scomparsa di Alberto è stata la moglie Elisa, che gli è stata sempre accanto, con il papà, la zia Bettina, i suoceri Gelindo e Adelina, e tutti i suoi parenti ed amici.

In tantissimi ieri hanno partecipato alla cerimonia per il suo ultimo saluto, che si è tenuta nella chiesa parrocchiale di Villaggio Busonera alle 15.30: una cerimonia commovente celebrata da don Simone Doria. “Non fiori ma una preghiera”, così chiedeva la sua famiglia: tanti infatti sono stati i messaggi e i ricordi da parte degli amici di Alberto.

“Porterò per sempre il ricordo della gioventù passata insieme ai ragazzi del Villaggio, quante risate con te Alberto. Ciao amico mio, spero che ora tu sia libero da ogni sofferenza”, lo ha ricordato un amico. “Una delle persone migliori mai conosciute in vita mia”, ha scritto un altro amico di Alberto nei social, dove in tantissimi lo hanno ricordato come una persona gentile, simpatica, di cuore, onesta e sempre corretta. “Se ne vanno sempre i migliori. Mancherai tanto perché persone come te ne esistono davvero pochissime. Ciao Alberto”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy