Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

COMUNE

Monta la polemica sulle mense

L’opposizione: “Il 68% degli utenti soddisfatti non è una conquista, ma la disfatta”

Monta la polemica sulle mense

Bambini in una mensa scolastica

CHIOGGIA – Mense scolastiche, la Gemeaz Elior si difende dalle critiche sul progetto per il centro cottura e conferma: “Pronti a realizzare il nuovo centro cottura in project financing”. Il Direttore commerciale Paolo Burato era presente mercoledì alla commissione consiliare sulle mense scolastiche. La polemiche non si sono ancora spente e, anzi, sono state di nuovo alimentate dal consigliere del Pd Jonatan Montanariello. 1.200 mamme chiedono di cambiare il gestore del servizio, il Comune valuta attentamente cosa fare in futuro e, come ha spiegato bene il vice sindaco Daniele Tiozzo Brasiola: “Tutte le strade sono aperte. Non vogliamo essere vincolati ad una sola scelta”.

Nel frattempo Burato ha snocciolato i lati positivi del servizio: “Dopo il controllo dell’Asl di cui si è dato ampio risalto – ha spiegato ai consiglieri – abbiamo fatto una serie di controlli e anche un sondaggio il 17 maggio alle scuole Marchetti, Todaro, Caccin, Merlin, Don Milani. Il 68% dei bambini si è detto soddisfatto del servizio mensa e metà di questi hanno espresso una valutazione ottima del pranzo consumato. Con la collaborazione dell’Asl siamo arrivati ad un menù definitivo dove abbiamo tolto quei piatti che erano graditi ai ragazzi, ma che l’Asl non consigliava nella loro alimentazione. Abbiamo inoltre inserito tutti i pasti richiesti in commissione mensa. Abbiamo effettuato controlli interni a marzo e aprile in praticamente tutte le scuole del territorio e i genitori sono tornati ad assaggiare i piatti e abbiamo avuto tutti riscontri positivi. Solo un venerdì una scuola, ha rimandato indietro il tonno perché lo riteneva amaro, ma i controlli hanno evidenziato che tutti i parametri di quel prodotto erano nella norma e non vi erano problemi”.

Burato spiega anche perché la ditta si è proposta di costruire il nuovo centro cottura in project financing: “Veniamo da due anni difficilissimi per la ristorazione a causa del Covid e a Chioggia questi problemi sono stati amplificati dagli spazi ridotti dell’attuale centro di cottura. Più volta l’Asl ha consigliato di non utilizzare la cucina attuale. Molte delle lamentele che riceviamo sono dovute proprio alla nostra difficoltà nell’operare in questa struttura. Realizzarne in project financing una nuova ha molti vantaggi: nessun esborso da parte del Comune, tempi rapidi e certi di realizzazione dato che abbiamo già presentato il progetto definitivo e obbligo di mantenere gli standard elevati durante il servizio”. Ma le polemiche in consiglio sono state a dir poco feroci: “Fatico a credere a questo sondaggio – ha commentato la consigliera di Obbiettivo Chioggia Alessandra Penzo – magari fatto quando c’era la pizza o i bastoncini di pesce in menù. Io quando ho avuto le mie figlie al servizio mensa ho faticato a dare una sufficienza a qualsiasi pasto ed ero una delle assaggiatrici. Ho visto tonno che somigliava al cartone, ho visto pasta annegata nell’olio quando c’era la pasta al pesto, ho visto filetti di carne arrosto che erano per il 70% pezzi di grasso. Mi fa paura sentire che il tonno era nella norma, il tonno deve essere ineccepibile non nella norma. Perchè i genitori non possono venire quando vogliono e avvisare mezz’ora prima quando i pasti sono già nelle sedi?”.

“Il 68% non è una conquista – il commento della consigliera del Pd Barbara Penzo – ma è un dato triste. Mentre nel nostro Comune siamo a discutere sul dovere di garantire una qualità di cibo e pasti adeguati alle nostre bambine e bambini dando il meglio (che dovrebbe essere scontato) e non solo il cibo “dentro la norma” in altre virtuose amministrazioni si valutano i vantaggi della mensa fresca che supera giustamente la logica dei costi maggiori. Dalla preparazione dei pasti accentrata nei centri cottura alla prelazione dei pasti decentrata. Pensiamoci e proviamo a cogliere le sfide del Pnrr che si basa proprio sulla necessità di trovare nuove soluzioni a nuovi bisogni”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy