Calcio serie D

Ultima insidia per la Union Clodiense, poi la “finale”

Obbligo di vittoria domani in trasferta. E per domenica 15 Ballarin esaurito per la sfida con l’Arzignano

Ultima insidia per la Union Clodiense, poi la “finale”

07/05/2022

CHIOGGIA - Obbligo di vittoria per l’Union Clodiense in casa del fanalino di coda e già retrocesso in Eccellenza San Martino Speme.

I granata sono riusciti finalmente domenica a ridurre da 5 a 2 i punti di distacco nei confronti dell’ArzignanoChiampo. Basterà vincere domani 8 maggio per potersi giocare una storica promozione in Lega Pro tra le mura amiche del Ballarin domenica prossima nello scontro diretto contro i vicentini.

Facile prevedere che lo stadio sarà letteralmente preso d’assalto per un momento che si preannuncia storico per la città e la sua squadra. La Serie C manca infatti a Chioggia dalla stagione 1977-78. Una eternità.

Ma prima di sognare è necessario vincere e non sottovalutare un San Martino Speme che giocherà libero mentalmente e senza nulla da perdere. Per gli uomini di Andreucci sarà fondamentale sbloccare il prima possibile il risultato, cosa che è sempre stato il punto debole della squadra in questo campionato comunque straordinario per l’Union Clodiense: l’unica a riuscire a tenere testa all’altra corazzata ArzignanoChiampo mantenendo vivo il campionato fino alla fine.

I vicentini invece saranno impegnati in casa contro il Campodarsego. Se tutto andrà come da pronostico, domenica prossima allo scontro diretto i granata vincendo torneranno in Lega Pro, mentre all’Arzignano basterebbe anche un pareggio. Ma prima di fare conti e pronostici, ci sono altri 90 minuti da passare senza passi falsi per assicurarsi un’ultima giornata di campionato dalle fortissime emozioni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0