Sanità in Veneto

Liste d’attesa, adesso si accelera

E nei primi tre mesi di quest’anno sono stati effettuati oltre 36mila interventi chirurgici programmati

Lanzarin

Lanzarin

26/04/2022

ROVIGO - Dopo l’emergenza, la sanità veneta corre per recuperare il tempo perduto. E nei primi tre mesi di quest’anno sono stati effettuati oltre 36mila interventi chirurgici programmati (abbattendo del 22% le liste d’attesa); erogate 2,4 milioni di prestazioni (di cui 54mila arretrate); sostenute 27.693 prestazioni ambulatoriali di tipo chirurgico (riducendo di 8.779 unità la lista d’attesa); ed eseguiti 54.444 screening (abbattendo del 46% le liste d’attesa).

“Il recupero delle liste d’attesa - ha spiegato ieri mattina l’assessore regionale Manuela Lanzarin - sta procedendo abbastanza bene. Abbiamo iniziato con questi interventi a febbraio e nei primi due mesi i recuperi che vanno dal 46% degli screening al 24% dell’attività ambulatoriale, fino al 22% dei ricoveri chirurgici e al 20% dell’attività ambulatoriale chirurgica. La fine dell’anno è il termine che abbiamo fissato per questo piano straordinario legato alle liste d’attesa, sospese per ben tre volte a causa delle problematiche legate al Covid. Sono fiduciosa che la maggior parte o la totalità delle liste d’attesa sospese trovino una loro completezza e una loro risposta e completezza entro questo termine”.

“Donne e uomini della nostra sanità - il commento del presidente del Veneto, Luca Zaia - hanno fatto e stanno facendo un lavoro eccezionale. Li voglio ringraziare uno per uno, perché da mesi stanno effettuando sia gli interventi e le visite programmate, sia le prestazioni da recuperare, oltre che continuare la battaglia quotidiana per la guarigione degli ancora molti ricoverati e malati di Covid. Con questo ritmo - conclude il governatore - è ragionevole sperare che il recupero possa essere completato entro l’autunno”.

M. V.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0